La Storia


IITM


L’ IITM (Istituto Italiano Terapia Manuale) è nato  nel 2006 da un’idea del dott. Ricciardi , maturata dopo l’esperienza a Bologna con il collega e amico fraterno il dott. Saverio Colonna. L’obiettivo era quello di costituire un percorso di formazione in terapia manuale e osteopatia  riservato a terapisti e medici , ovvero che tenesse conto del bagaglio culturale acquisito da queste figure sanitarie fornendo strumenti di integrazione  per la loro attività professionale .
Nel 2006, la prima sede è stata Faenza, dove nel primo anno si è registrato una iscrizione di 46 persone cogliendo di sorpresa la nostra equipe, lo stesso anno è stata creata una sede anche vicino Milano ovvero a Gerenzano . Da allora, fino ad oggi, sono  ben  800, tra terapisti  medici che si sono formati . La cosa che ci ha sorpreso enormemente, è  stata  la  modalità di diffusione avvenuta attraverso il passa parola riscontrando successo anche in tanti fisioterapisti di importanti squadre di calcio di serie A dal Chievo Verona al Milan dal Napoli al Torino al Sassuolo .
L’enorme successo, ha inevitabilmente ritardato gli ulteriori progetti, come promuovere il percorso post graduate di specializzazione in osteopatia o la costruzione di un centro clinico per la scuola, dove poter fare tirocinio pratico , un sogno che solo oggi nel 2014 è diventato realtà con  il FISIO IITM, centro medico specialistico di Fisioterapia Terapia Manuale Osteopatia  Postura , una realtà che poche scuola di formazione possono vantare in tutta italia.
Nel 2010, abbiamo istituito i primi corsi postgraduate, ricercando docenti affermati che trasmettessero la loro esperienza, che consentissero la ripresa delle manovre pratiche, perché è solo in questo modo che lo studente può apprendere l’esecuzione corretta delle tecniche , si è cercato insomma di mettere a frutto tutta l’esperienza maturata in tanti anni di corso fatti in altre strutture dove spesso il materiale didattico era insufficiente  e le  riprese vietate .
Oggi l’IITM,  è diventata scuola, vuole proporre un percorso completo in Osteopatia rispettando i canoni internazionali forniti dall’OMS, per essere in prima fila nell’eventualità di un riconoscimento anche in Italia , sempre mantenendo i principi fondamentali a cui si è ispirato l’IITM, ovvero la formazione esclusiva di figure sanitarie legalmente riconosciute .

Molti pazienti e spesso anche  gli stessi operatori, non sanno che l’osteopatia non è legalmente riconosciuta in Italia ,  viene confusa la legge del 14.01.2013 n° 4, G.U. 26.01.2013 inerente le professioni non regolamentate.  come validazione dell’osteopatia : Purtropppo questo non corrisponde a verità . La formazione oggi diffusa in Italia prevede un percorso di 6 anni per conseguire un titolo che attualmente non esiste , sembra un paradosso, ma è la cruda verità , tuttavia l’obiettivo dell’IITM non era e non sarà mai quello di istituire delle figure professionali, non ne ha i titoli per poterlo fare , ma quello di specializzare figure sanitarie che già esistono . Questo deve e  dovrà differenziare il percorso proposto dalle altre realtà ; non a caso abbiamo usato il termine di Terapia Manuale Osteopatica , proprio perché essendo una terapia deve essere esercitata da terapisti e medici. L’obiettivo resterà sempre quello di formare terapisti manuali osteopati e medici osteopati, ovvero persone che possono esercitare la loro attività in quanto in possesso di un titolo  già riconosciuto, affinché la branca osteopatica possa essere di integrazione per il fisioterapista o il medico  poichè essere terapista o medico,  è, a nostro avviso,  certamente un valore aggiunto .